Stanotte non riuscivo ad addormentarmi, come tanti, credo, in questi giorni. Così ho acceso la tv e sono incappato in un documentario su Stanley Kubrick. Ora, ammetto di non aver mai avuto una predilezione per i suoi film, anche per quelli osannati da qualsiasi critica di qualsiasi parte del mondo. Però, come spesso mi succede, più che dell’opera mi sono innamorato della persona. E della sua forma maniacale di fare le cose, e di quelle montagne di scatoloni dove aveva archiviato tutto il possibile ed immaginabile che in qualche modo avrebbe potuto – forse, un giorno – servirgli per un suo film. Persino gli scatoloni si era fatto fare su misura, in modo che si aprissero senza difficoltà. Per una volta tanto la precisione non mi ha dato fastidio. Ecco, ho pensato anzi, una persona interessante, una con il pensiero della quale poter forse riuscire ad addormentarsi.

Annunci