Il quotidiano El Colombiano pubblica la storia di Serafino, biblioasino italiano. Ne avevo già sentito parlare, del biblioburro, l’asino che porta libri a chi non ha facilmente accesso ad una biblioteca. Ma si parlava di Colombia, dove non è che non ci siano biblioteche, anzi, ma una buona fetta del paese ci vive lontano, non può raggiungerle se non percorrendo sentieri per ore ed ore. Così ecco l’asino-biblioteca. Però in Italia. Alla periferia di Milano. “Non lo facciamo perché qui manchino biblioteche – dice una colombiana che ha collaborato al progetto italiano – ma perché questi luoghi sono vuoti. I bambini non ci vanno, non ne vedono la necessità, né hanno scoperto la passione del sapere della lettura”. Già.

Annunci