È così.
Primi di agosto, mesi fa pensavo: in agosto prendo un treno, un autobus, una bicicletta e vado a farmi un giro fino a Srebrenica.
Primi di agosto, e sono qui a credere che, perso il treno, l’autobus ed anche la bicicletta, bene che vada passerò qualche serata a Lignano. Poi un pomeriggio mi piacerebbe tornare alle Škocjanske jame, ma quella è un’altra cosa.
Primi di agosto, come i primi di agosto di un anno fa. Che fare della nostra vita? Stare qui o là? Stare su o giù? Mi dico che fa lo stesso e non lo fa.
Primi di agosto, una traduzione da consegnare in settembre, cinque multe da pagare, un computer probabilmente da cambiare, un’aria pesantina che ormai non ci fai caso, e poi chissà.

Annunci