Il Teatro stabile sloveno rischia di chiudere. Ieri sera si è dimesso il consiglio di amministrazione, dopo aver dovuto prendere atto che Regione, Provincia e Comune di Trieste non intendono garantire i finanziamenti promessi, per altro previsti da una legge. Mi sembra un chiaro segnale, negativo, di quanto si può prospettare per la comunità slovena in Italia, e nello stesso il paradigma di quanto poco interesse incontri, nelle istituzioni, la cultura. Qualche giorno fa guardavamo, in un telegiornale, i musicisti di un’orchestra sinfonica che suonava in una piazza, per protestare contro una probabile chiusura dovuta allo stesso motivo. La cultura è una rogna.

Annunci