Che ne so, guardando e riguardando la bella faccia di Barack Obama, ascoltando e leggendo i commenti alla sua vittoria, e pensando alle nostre disgrazie, mi è venuto in mente che se qualcuno avesse la buona volontà, e ovviamente le possibilità, dovrebbe iniziare a pensare a cosa accadrà fra quattro anni, e prepararsi al caso, ed individuare un nome, un bel nome, uno sotto i 50 che abbia idee innovative, che sia al passo con i tempi (nell’analisi del perché Obama sono completamente d’accordo con Luca Sofri, en passant). Io un nome lo butto lì, tanto non mi ascolta nessuno: Filippo Andreatta. Uno di cui mi piace il sorriso, e anche le parole.

Annunci