“In una tirata da Udine a Belgrado, mi fermavo in un hotel e poi via a Struga”.
Raccontava, l’altra sera, un grande poeta di questa terra, Luciano Morandini. Una serata per pochi, la presentazione di un suo libro, ma un florilegio di emozioni e ricordi. Lui e Aldo Colò, pittore, stessa età ed una parte della vita, quella migliore probabilmente, vissuta assieme. Gli incontri a Spilimbergo, a Milano, un viaggio a Roma per un incontro con cui la Cgil voleva raccogliere idee e proposte culturali, poi le esperienze ad est, Sciascia, accompagnato negli anni Sessanta per una serie di conferenze in Slovenia, che viene fermato alla frontiera con 50 mila lire nella scarpa.
“Cosa abbiamo fatto?”
“Qualche piccola cosa, che ci consola.”

Annunci